Autismo:che confusione sarà perche.....

14.11.2021

Oggi nel mondo dell'autismo regna tantissima confusione. Una confusione alimentata perlopiù dai media e da quelle realtà associative che confondono situazioni molto vicine alla normalità con la drammatica realtà  che accomuna invece centinaia di migliaia di autistici e famiglie... Quelle ad alto funzionamento sono una netta minoranza di persone che per la maggior parte conducono una vita quasi normale, avendo la possibilità di ottenere un corso di laurea, trovare un'occupazione, avere la patente di guida, sposarsi mettendo al mondo figli e di conseguenza creando una loro famiglia,  Eccetera,ma sono quella parte che i media preferiscono raccontare generando e creando appunto confusione a chi non conosce l'autismo da vicino. 

Poi c'è un altro mondo... Penso a quelle persone come mio figlio che hanno bisogno di assistenza continuativa h24; persone che hanno bisogno di qualcuno che gli pulisca il sedere quando vanno in bagno; persone che hanno bisogno di qualcuno che gli faccia la doccia; che gli si tagli le unghie,che gli si faccia la barba,che gli si prepari i vestiti. Persone che hanno bisogno di qualcuno che li accompagni fuori per una semplice passeggiata; persone che hanno bisogno di qualcuno che funga da bersaglio quando devono scaricare la loro rabbia; persone che hanno bisogno di qualcuno che li consoli nei momenti di ansia; persone che hanno di bisogno di qualcuno che li vesta la mattina; persone che hanno bisogno di qualcuno che li ascolti anche se tanti non parlano; persone che hanno bisogno di qualcuno che li aiuti a vivere...

Ebbene io dico che quel qualcuno è la famiglia: è un papà, è una mamma, che spesso sono costretti a lasciare il proprio lavoro,sono i fratelli e le sorelle che vivono di privazioni e di paure, una realtà, questa sì drammatica, che si chiama AUTISMO grave e gravissimo ...

E' questa la realtà che rappresenta la parte più numerosa delle persone autistiche, quella che vive con la paura del DOPO DI NOI che ci fa morire,tutti i giorni. 

Confondere l'autismo ad alto funzionamento con l'autismo grave e gravissimo è un'operazione non vera.

Antonio Riggio